Al calvario

Antonio Morra

Print Friendly and PDF

Al calvario salì quel dì l'Agnel di Dio
Prese il posto tuo e il posto mio
"Crocifiggilo" gridava la gente
Lo schernivano "Salve o Re dei Giudei"

Lui restava in silenzio e non reagiva
"Padre non san quel che fanno, perdonali"
Su una canna gli porsero dell'aceto
Ma Lui aveva sete soltanto di me e di te

E alle tre del giorno smarrito Lui gridò
"Padre mio perché mi hai abbandonato?"
"È compiuto" le Sue ultime parole
Poi spirò, Gesù e morì per me e per te

"Questo è il Re dei Giudei" Pilato scrisse
In tre lingue e poi l'affisse alla croce
"No, Lui si è fatto Figliuol di Dio e deve morire"
Ma Lui era veramente il Signor

E alle tre del giorno smarrito Lui gridò
"Padre mio perché mi hai abbandonato?"
"È compiuto" le Sue ultime parole
Poi spirò, Gesù e morì per me e per te

Questa morte è avvenuta perché Gesù ci vuol salvar
Non potremo scampare se noi Lo rifiutiam
Egli ancora una volta ci dice "Vieni a me!"
Riceviamo perciò pentiti Cristo il Re

Riceviamo perciò pentiti Cristo il Re!