Pensando a te

Antonio Morra

Print Friendly and PDF

Desidero venire presso questo altare
Dove brucia un fuoco sacro
E splende una luce inaccessibile
Dove esala un profumo
Una fragranza di grazia
Ed il sangue del sacrificio
Mi rivela al Calvario
Prima che il vento del giorno spiri
E le ombre fuggano
Io me ne andrò al monte della mirra
Al colle dell'incenso
Dove la Rosa di Sharon
Ed il Giglio delle valli
Effondono nel mio cuore
Un dolce amore

E lì contemplare il Tuo volto
Coronato di spine
Le Tue mani forate
Da quei chiodi che Ti hanno offeso
E poi toccare con i miei occhi
Quanto infame è stata la croce
Hai prestato il Tuo dorso ai flagelli
Ed il Tuo volto agli sputi
Ma sei stato col ricco nel sepolcro
Perché la Tua anima innocente
Non poteva essere trattenuta
Nei legami della morte
Ed hai lasciato una tomba vuota
Ora al cielo sei salito
Perché sei il Signore e il Re, Gesù

Perché sei il Re, Gesù
Tu sei il Re, Gesù
Io qui adoro Te
Tu sei il Re, Gesù
Beato Iddio lassù
Io qui adorerò solo Te