Print Friendly and PDF

Lascia che sia luce

Salvo Cocuzza

Vedo gli occhi tuoi spenti
Ed un cuore rubato ormai
Dalle redi del mondo
Vedo un cuore ferito
E rimani a guardare un giorno deluso
Deluso da chi tu credevi un amico

Naufragato e disperso nel deserto del cuore
Dalle rive del cielo senti piano una voce
Che ti parla d'amore e ti tende la mano

E quella mano tu non la lasciare mai
È la mano di Dio, non ti abbandona mai
E nella casa Sua tu non ti stancherai
E fra le Sue braccia ti riposerai

Dalla notte più nera
Si intravede un chiarore
Che diventa un torrente
Si fa largo nel cuore
È la voce Sua che ti consolerà
E fra le Sue mani un rifugio avrai

Lascia che sia luce, nella notte tua
Lascia che sia vita, nella vita tua