Samuele

Albino Montisci

Print Friendly and PDF

Quella notte mai non potrò scordare
Quando ho udito il suono di una voce
Sì, qualcuno mi chiamava
E il mio nome ripeteva:
Samuel, Samuel, Samuel, Samuel.

Io sentivo ma non capivo che
eri Tu Signore che mi chiamavi
proprio Tu vicino a me
e di nuovo ripetevi:
Samuel, Samuel, Samuel, Samuel.

Al tuo servo parla, Ti ascolterò
E farò tutto quello che mi dirai.
Ora so chi sei Signore,
ora è chiara la Tua voce:
Samuel, Samuel, Samuel, Samuel.

Ogni giorno, sì, io sarò con te
ed un uomo saggio tu sarai.
La mia forza ti darò
per parlare nel mio nome...
Samuel, Samuel, Samuel, Samuel.

Il Signore, oggi, può parlare a te,
che risposta dai alla Sua voce?
Nel silenzio ascolta ancora
è il Signore che ti chiama:
Samuel, Samuel, Samuel, Samuel.