Made in Pakistan

Albino Montisci

Print Friendly and PDF

Con le mani che scorrono
Su quei fili di seta:
È un lavoro duro "Made in Pakistan".
Ti hanno venduto Iqbal per due miseri soldi:
I tuoi cinque anni "Made in Pakistan".

E ora sei in un angolo,
Dov'è la tua libertà?
Non puoi neanche gridare "schiavo, ma perché?".
Là fuori c'è un mondo in cui
La sera, no, non scenda mai,
Un mondo dove vivere in libertà!

Ma correremo liberi,
Noi saliremo insieme
Sugli spalti della libertà!
Continueremo a correre
Sulla tua bicicletta
Senza età e tutti in coro grideremo:
"Made in Pakistan".

Tu correvi nel vento
Ma il tuo sogno è spezzato
Con un'arma da fuoco "Made in Pakistan".
C'è da temere Iqbal,
Puoi ricomprare la vita
Ma in un lago di sangue "Made in Pakistan".

Ora sei nel tempo tuo,
Dov'è la tua libertà?
Non puoi neanche gridare "schiavo, ma perché?"
Ancora vive il mondo in cui
La sera, no, non scende mai
Un mondo dove vivere in libertà!

Ma correremo liberi,
Noi saliremo insieme
Sugli spalti della libertà!
Continueremo a correre
Sulla tua bicicletta
Senza età e tutti in coro grideremo:
"Made in Pakistan".