Nessuno mai saprà

Antonio Morra

Le Tue mani stillano rugiada
La Tua veste immacolata
D'aloe e di mirra profumata
Mi appari, Signore, raggiante di splendor

Come mai il tuo capo
Coronato è di spine?
I Tuoi piedi inchiodati
Ed il costato Tuo trafitto è?

E lì nel buio nuvole oscure
Si addensano su Te
Un peso immane schiaccia la Tua anima, Signor

Tu soffri dentro Te
Nessuno mai saprà
Cosa provasti lì
Su quella croce infame
Santo Figlio di Dio