Anima nuda

Dario De Marco

Dietro al bar della metro, a terra, c'è un uomo
Ha un messaggio su un cartone
Tu l'hai visto tremare, lo senti implorare?
Come piove...
Forse siamo troppo occupati a lamentarci
Del prezzo dell'ultimo caffè
Sbrigati, è tardi, la cena si raffredda

Io mi chiedo se l'amore
Andrebbe avanti per la sua strada
Guarderebbe forse altrove
Calpestando nel silenzio una vita che cerca aiuto

Tra la chiesa e l'incrocio c'è una ragazzina
Ha un messaggio sul suo corpo
Quello straccio che indossa su un mucchio di ossa
È una lacrima
Cosa penserebbe la gente di noi due
Se ci avvicinassimo un po' a lei?
(Se ci avvicinassimo solo un po')
Sbrigati, è tardi, dobbiamo andare, dobbiamo entrare

Io mi chiedo se oserei
Pregare per chi è solo ed ha fame
E mi chiedo se avrò mai
Il coraggio di ascoltare il mio cuore, che cerca aiuto

Ora vedo che la mia anima è nuda
Sento freddo come quelle persone
E come loro ho bisogno che qualcuno mi dia
Un abito, un abito nuovo

Dietro al bar della metro, a terra, quell'uomo
Potrei essere io
Tra la chiesa e l'incrocio, quella ragazzina
Potrebbe essere Dio

(Grazie a Dario De Marco per il testo)